COSA FARE E COSA VEDERE IN VALGANNA

Con l’estate alle porte si comincia a sentire la voglia di uscite all’aria aperta e di gite domenicali alla scoperta di posti nuovi, in cui divertirsi con tutta la famiglia e trovare refrigerio dalle alte temperature. Proprio vicino al nostro ristorante sono molte le cose da fare e vedere per scoprire la Valganna con occhi entusiasti!

Il Ristorante Laghetto Fonteviva si trova proprio al confine con il Parco Regionale del Campo dei Fiori al cui interno è possibile avventurarsi in molti sentieri diversi alla scoperta di biodiversità e di una vegetazione molto fitta e florida.

A pochi chilometri da noi, sempre a Induno Olona, si può visitare un altro piccolo luogo di culto, la Cappella di San Pietro in Silvis. Anche questa costruzione rispecchia gli stilemi del romanico e conserva interessanti affreschi databili intorno al XIV secolo.

Il Sacro Monte di Varese val bene una gita fuori porta, un luogo da non perdere per osservare l’ingegno dell’uomo al servizio della fede, lungo le 14 cappelle che risalgono fino alla Chiesa di Santa Maria del Monte. Il percorso è adatto a tutti, in alternativa si può salire con la funicolare.

Sul colle di Biumo si trova poi un vero scrigno di arte e architettura, Villa Panza, una splendida Villa del Settecento, patrimonio del FAI, che ospita una collezione permanente di arte contemporanea americana e numerose mostre di caratura internazionale, oltre ad un giardino all’italiana strutturato secondo le classiche forme geometriche che lo hanno reso un vero e proprio paradigma.

A Bregazzana, un comune poco distante dal Laghetto Fonteviva, una tappa obbligata è al cimitero. Sì, avete letto bene! Nel cimitero del piccolo comune è, infatti, conservata una tomba storica dall’aspetto esotico e affascinante.

Si tratta della tomba di Angelo Magnani, nipote del forse più noto Angelo Poretti (patron della rinomata fabbrica della birra di Valganna), un magnifico esemplare di stile Liberty varesino, una pagoda indiana in pietra di Viggiù con un portale attraversato da un elefante bronzeo, opera del 1919 dello Scultore originario proprio di Viggiù, Enrico Butti.

Avete ancora dubbi su cosa fare e vedere in Valganna? Il nostro territorio è ricco di scorci naturali e di aree dove anche nei mesi più caldi le temperature sono mitigate dalla brezza di montagna: addentrandosi nelle zone boschive è facile percorrere sentieri poco battuti e ritrovarsi davanti a spettacolari cascate naturali.

Per gli amanti della storia dell’arte immancabile una fermata alla Badia di San Gemolo a Ganna. L’abbazia, uno degli edifici più antichi della Provincia, fu eretta intorno alla fine dell’XI secolo, ed è legata alla leggenda di San Gemolo. Si narra infatti che il giovane diacono in pellegrinaggio verso Roma incappò in un gruppo di briganti che lo decapitarono. Egli raccolse la sua testa e riuscì a cavalcare fino al luogo in cui oggi sorge la Abbazia Benedettina.

La costruzione porta le tracce di diverse epoche storiche e racconta una storia fatta di avversità ma anche di lotte di potere (la presenza della torre e delle mura ricordano il passato feudale). IL complesso raccoglie la chiesa, il chiostro pentagonale e il campanile, tutti databili in epoca romanica. Il Chiostro ospita il Museo della Badia.

Embed from Getty Images

Laghetto Fonteviva